• Assemblaggio di Clio a Revoz

Industries



Automobilistica

PRINCIPALI DATI 2016

Numero delle società: 278

Numero degli occupati: 14.207

Reddito (in EUR): 3,3 miliardi

Esportazioni (in EUR): 2,9 miliardi

Mercati chiave di esportazione: Austria, Croazia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Messico, Romania, Spagna, Turchia, USA, Ungheria

 

Fonte: AJPES, 2017

Prodotti chiave:

  • sedili e componenti per sedili
  • componenti e materiali per interni
  • parti di carrozzeria
  • componenti di sistemi frenanti
  • componenti meccanici per motori
  • componenti elettrici/elettronici per motori
  • altri componenti elettrici/elettronici
  • componenti del sistema dello sterzo
  • componenti della trasmissione
  • altri sistemi e componenti
  • produzione di sistemi per saldatura
  • utensili per il settore automotive
  • servizi di ricerca e sviluppo

Qualità delle risorse umane


Le industrie che adottano le modalità green engineering figurano tra quelle che meno risentono della recessione: per questo motivo le aziende automobilistiche che le fanno proprie riescono a contrastare con ottimi risultati le attuali spinte economiche depressive. Non di meno le industrie collegate a tali aziende hanno avuto un importante ruolo nel superamento dei momenti difficili, sviluppando componenti per auto che, mentre riducono le emissioni di CO² e i consumi, migliorano la sicurezza dei veicoli. Inoltre, gli stessi impianti di produzione raggiungono lo status di «interramento di rifiuti zero» tramite il riciclaggio e il riutilizzo di tutti i materiali di scarto dell’impianto. Per giungere a queste e ad altre soluzioni innovative bisogna però essere in grado di affrontare le fasi progettuali con molta competenza e talento, per cui le aziende slovene collaborano proficuamente con le università al fine di accelerare le attività relative alla ricerca e allo sviluppo.

Stima del costo lavoro lordo annuale nell'industria automobilistica per il 2016 (in €)

Estimated gross annual labour costs in automotive industry
Source: Adecco & own calculations, 2015

Il settore automobilistico sloveno occupa circa 16.000 addetti distribuiti in piú di 250 aziende, mentre il numero dei dipendenti altamente qualificati, che lavorano direttamente o indirettamente con l’industria automobilistica o dei veicoli da trasporto, ammonta a 150.000 unità. Circa 3.300 sono gli studenti iscritti ai corsi di laurea in ingegneria meccanica, elettrotecnica ed elettronica, mentre il numero degli studenti delle scuole superiori per l'industria automobilistica e dei relativi è di circa 12.000. Si può cosí affermare con sicurezza che sono le qualità di ingegnosità e creatività del popolo sloveno a garantire degli alti standard professionali e tecnici, un saldo controllo dei processi e degli aspetti finanziari e, dunque, gli efficaci sistemi gestionali e la soddisfazione dei clienti. 

Per concludere il paragrafo, vanno citate la conoscenza delle lingue e l’attitudine ai rapporti interpersonali, prerogative di sicuro rilievo in un settore industriale dove solo gli operatori piú qualificati possono esser ammessi a fornire attrezzature, ricambi e componentistica originali alle migliori aziende del mondo.

Produttività/Valore aggiunto per addetto, 2014 

Società

Valore aggiunt per addetto

(in €)

KLS Ljubno93.642
TAB66.899
Adria Mobil58.800
Revoz58.434
Starkom58.019
Akrapovic52.679
Hidria AET46.709
GKN Driveline Slovenija46.288
Hella Saturnus Slovenija         45.153
Sogefi Filtration42.140
odelo Slovenija37.572
Mahle Letrika35.569

Fonte: Bisnode, 2015


Relazioni di qualità con i mercati dell’area


La delocalizzazione delle fasi di progettazione permette alle industrie automobilistiche di ridurre sensibilmente i costi relativi allo sviluppo e le aziende slovene di fornitura e progettazione automobilistica hanno una reputazione di alta affidabilità parteneristica. Le aziende slovene infatti curano operazioni di calcolo e simulazione, di sviluppo nel campo dell’elettricità e dell’elettronica e di progettazione nei dettagli del design (come per esempio la realizzazione di modelli e prototipi). Poiché i requisiti relativi alla sicurezza e alla salvaguardia ambientale stanno diventando sempre piú vincolanti, le automobili stanno diventando sempre piú elettronicamente controllate. Dunque molte aziende leader internazionali del settore avviano dei partenariati operativi con azienda slovene nel campo dello sviluppo delle unità di controllo elettronico per autoveicoli (ECU): codificazione del software, progettazione dell’hardware, progettazione e verifica di interi processi di assemblaggio e altre attività di integrazione elettrica, come l’elaborazione tramite CAD (progettazione assistita al computer), vengono cosí delocalizzate in Slovenia.

L’industria automobilistica slovena genera ben il 10 % del PIL nazionale e rappresenta il 12,5% dell’export totale dei prodotti del Paese. Le aziende slovene, avendo ottenuto la piena conformità con i requisiti stabiliti dall’Unione Europea in materia di sicurezza e tutela ambientale, attualmente riforniscono le industrie leader internazionali del settore: i marchi tedeschi Audi, BMW, Daimler, VW, oltre alle sigle MAN e Ford presenti in Germania, rappresentano circa il 40% dell’export sloveno di componenti per auto; il resto delle esportazioni è verso la Francia, l’Italia, l’Austria, il Regno Unito e gli USA. L’affidabilità dei veicoli che escono dalle linee di montaggio slovene di Renault, PSA, Brosse, Lombardini, Landini, Fiat e Magna Steyr concedono inoltre sicura credibilità ai fornitori sloveni.

La Revoz, di proprietà della francese Renault, resta l’unica fabbrica slovena di auto e l’esportatore sloveno numero uno, impiegando 2.000 persone. I veicoli prodotti dalla Revoz di Novo mesto sono rinomati per la loro qualità assoluta, grazie alla quale tali prodotti assumono una posizione molto elevata nella graduatoria dei veicoli Renault, anche in termini di produttività.

Gli investitori stranieri che desiderino impiantare delle sedi in Slovenia per offrire i propri prodotti e servizi sia localmente che nei Balcani Occidentali non dovranno sprecare tempo e denaro per esaminare ulteriori localizzazioni operative. Il personale locale può infatti fornire una prospettiva interna del modo in cui gli uomini d’affari dell’area pensano e delle maniere in cui le aziende prendono le decisioni, per effetto dei decenni di costruzione congiunta della stessa architettura geopolitica. La performance economica della Slovenia continua a basarsi sul positivo momento della sua leadership nel mondo affaristico e tecnologico, ben espresso dai confortanti numeri relativi alle esportazioni.

Produttività dell'industria, 2014

Productivity in Industry, 2016
Source: IMD - World Competitiveness Yearbook, 2017

PIL relativo (PPP) per persona occupata nell'industria (in €)

Infrastrutture di qualità


L’UE ha promosso delle iniziative finalizzate a rafforzare la competitività, l’occupazione e gli aspetti relativi alla sicurezza e alla tutela ambientale nel settore automobilistico – uno di questi progetti è il CARS 21 – e ci si aspetta che le aziende del ramo lo realizzino ad un prezzo accessibile per il consumatore. Realmente semplice come sembrerebbe esserlo di primo acchito, questo significa che i produttori dovrebbero sviluppare dei veicoli competitivi sotto l’aspetto economico e dimostrare che il proprio marchio è il migliore in termini di costo, guidabilità ed affidabilità.

Il soddisfacente stato delle infrastrutture in genere (incluse le soft) della Slovenia può giocare un ruolo cruciale nella produzione del giusto numero di auto di qualità, grazie all’introduzione di tecnologie avanzate, nonché mantenendo le giacenze al minimo ed agganciando la produzione alla domanda. Sia l’industria di progettazione e produzione automobilistica slovena che i suoi partner delle istituzioni che si occupano di ricerca e sviluppo, possono vantare una lunga tradizione nella fornitura di perspicaci compratori stranieri. Poiché la reputazione di un marchio di fabbrica dipende dall’innovazione e dalla qualità – oltre che dalla conformità agli standard comuni del settore auto e dalla distribuzione di parti e ricambi da molteplici piattaforme e veicoli – molti produttori adottano il metodo del coinvolgimento del partner fin dalle prime fasi (early involvement) e delle partnership a lungo termine, sia con singoli fornitori che con single-sourcing. L’Automotive Cluster of Slovenia (ACS) è l’associazione che unisce i fornitori automobilistici sloveni che si occupano di lavorazione dei metalli, le industrie meccaniche, elettriche, elettroniche, chimiche, della gomma, tessili e delle attrezzature per il trasporto, assieme ai loro partner istituzionali che si occupano di sviluppo della ricerca e della tecnologia – con i relativi servizi di supporto.

I centri per l’innovazione, gli istituti per i materiali e le tecnologie e le accademie del sapere: questi sono i moderni punti di forza per le imprese slovene che iniziano il loro iter progettuale con la valutazione di fattibilità tecnica di nuove idee e tecnologie e giungono allo sviluppo e alla produzione di massa. L’impegno dell’Hidria (leader globale nella fornitura e nello sviluppo di una moltitudine di sottosistemi e componenti) nella realizzazione di prodotti tecnologici e di soluzioni innovative per le industrie automobilistiche e HVAC (riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell’aria) è efficacemente illustrato dalla recente costruzione del suo terzo impianto di ricerca e sviluppo, cofinanziato dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale. Le soluzioni dell’Hidria riguardanti i meccanismi di sterzo, i motori ibridi e i cold start system vengono adottate dai produttori piú prestigiosi per i propri sofisticatissimi modelli high-end, come i visitatori del Frankfurt Motor Show hanno potuto constatare direttamente.



Società leader nazionali ed internazionali

×
Sottoscrivete alla newsletter

Sottoscrivete alla news sui progetti IDE e ambiente imprenditoriale. Inserite il vostro indirizzo email per ricevere newsletter quartile.